La mania del foulard

Tiriamoli fuori dai nostri cassetti i foulard e usiamoli, usiamoli a più non posso…

I grandi brand, che mai li avevano abbandonati, ora li propongono legati a fascia fra i capelli anch’essi annodati, come si usava negli anni 60.

Ma questi preziosi quadrati di seta si prestano a mille usi  e sono piccoli dettagli di stile.

Belli al collo, belli legati ai manici della borsa o di un cestino in paglia,belli anche stretti in vita o in testa fatti su a turbante o anche a sottolineare fra i capelli una treccia o una semplice coda di cavallo.

Come abbinarli?

Il foulard, in qualsiasi modo lo portiate, sa un po’ di bon ton quindi ha bisogno di qualche gioiello che accentui o contrasti questo mood.
  •  Assolutamente vietati i ferma foulard alla boy scout.
  • No a tutto quello che sa di etnico.
  • Sì ai bracciali a catena anche vistosi, in argento o in oro, anche due o tre portati insieme.
  • Sì anche a collane lunghe con medaglie o ciondoli appariscenti. In linea di massima no alle collane corte.
  • Si a orecchini vintage anni 60, sì ai maxi orecchini e comunque si agli orecchini. Anche boule colorate o  perle finte esagerate. Anche gli orecchini a cerchio,stile pirata..
  • Si agli anelli. Grandi o piccoli ma tanti portati insieme.
   Possiamo svaligiare i nostri portagioie, non vi sembra?
 #bluepointfirenze #summerstyle #summercolours #jeweleryestore #jewelryaffair #blog #jewelsdetail #cool #fashionable #accessories #tendenzeestate2016 #gioielliartigianali
L. Angelini

L. Angelini

Romana, vive nella campagna toscana.Giramondo curiosa e intuitiva.
Per anni direttrice creativa di una catena di gioiellerie, ha ideato ed è alla testa di Bluepointfirenze.it
Seleziona gioielli e suggerisce il modo di indossarli secondo la sua idea di fascino.